SPECIALE IL FATTORE”F”

Creare una performance sostenibile

Se date ai vostri dipendenti la possibilità di imparare e di crescere, prospereranno. E lo farà anche la vostra organizzazione.

Gretchen Spreitzer e Christine Porath

Gennaio 2012

Quando l'economia va a rotoli, quando avere un posto di lavoro è una fortuna – anche se non è particolarmente gratificante sul piano finanziario e sul piano intellettuale - chiedersi se i dipendenti sono o non sono felici può apparire un tantino troppo. Ma, nella nostra ricerca sulle caratteristiche di una forza lavoro che realizza costantemente performance elevate, abbiamo trovato una valida ragione per preoccuparsene: nel lungo termine i dipendenti felici sono più produttivi di quelli infelici. Si presentano regolarmente al lavoro, hanno meno probabilità di andarsene, fanno sempre più del minimo obbligatorio e attirano persone altrettanto serie e motivate. Inoltre non sono degli scattisti; assomigliano più a dei maratoneti, nel senso che mettono in campo un impegno costante e prolungato. Ma cosa significa essere felici nel vostro lavoro? Non stiamo parlando di soddisfazione, una parola che implica un certo compiacimento. Quando noi e i nostri colleghi del Center of...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!