Novembre 2019

Per una educazione liberale dei manager nell’era digitale

A cura di Andrea Granelli

30 Novembre 2019

Per una educazione liberale dei manager nell’era digitale

prezzo 9,99

In un mondo che cambia così vorticosamente e in modo imprevedibile, dove la complessità del reale ha piegato molte discipline ed è diventata lei stessa disciplina, dove la tecnologia – sempre più potente e invasiva – rischia di scappare di mano, dove i dati e l’intelligenza artificiale stanno trasformando i processi decisionali nella loro essenza, servono – soprattutto per la classe dirigente – nuove competenze. Non tanto quelle hard, codificate e sempre più dominio delle macchine, ma quelle soft, proprie dell’umano. Ma sono davvero “nuove” competenze? A ben guardare, i leader di successo hanno sempre fatto appello – ciascuno con il suo stile e in funzione di quanto richiedeva il contesto – alle arti liberali. Quelle arti liberali fondamento della cultura umanistica, le uniche in grado di attrezzarci per padroneggiare un mondo sempre più complesso e pervaso dalla tecnologia e agirvi con efficacia e consapevolezza. Quelle competenze che ci rendono pienamente umani e che si basano sulla cultura classica, sulla conoscenza dell’uomo (dalla psicologia alla neuroscienza), sull’agilità interdisciplinare, sul pensiero critico.

 

Andrea Granelli è fondatore di Kanso e vicepresidente di PerLaRe (Associazione Per La Retorica).

Temi più seguiti