LEADERSHIP

Diventare un leader più umano

Rasmus Hougaard e Jacqueline Carter

Novembre 2021

Diventare un leader più umano

Ryan McVay/Getty Images

Alcuni anni fa, a Jesper Brodin, CEO di Ingka Group/IKEA, fu chiesto di assumere la direzione di IKEA Cina, un’attività che richiedeva un cambiamento significativo per avere un successo sostenibile. Avrebbe dovuto chiudere degli uffici e aiutare molti dipendenti a trovare un nuovo impiego. Prima di accettare una ristrutturazione così difficile, si è posto una domanda importante: “Ho il coraggio e la forza per farlo?”.

Come leader, come si fa a fare le cose difficili che derivano dall’assumersi la responsabilità della leadership, pur rimanendo un essere umano decente? Questo è un eterno enigma per tutti i leader. La maggior parte di noi pensa di dover fare una scelta difficile e binaria tra essere una buona persona o essere un leader duro ed efficace. Ma si tratta di una falsa dicotomia. Essere umani e prendere decisioni di leadership difficili non si escludono a vicenda. In verità, fare cose difficili è spesso la cosa più umana da fare. Ci sono due ingredienti chiave: saggezza e compassione.

In un precedente articolo su HBR.org (4 dicembre 2020), abbiamo introdotto il concetto di leadership saggia e compassionevole, definendo la saggezza come una profonda comprensione di ciò che motiva le persone e il coraggio di essere trasparenti e di fare ciò che deve essere fatto, anche quando è scomodo; e la compassione come la qualità di mostrare cura e preoccupazione genuine per gli altri, con un’intenzione positiva di sostenere e aiutare.

Il nostro studio su leader e dipendenti di più di 5.000 aziende in quasi 100 Paesi ha dimostrato lo straordinario potere della saggezza e della compassione. I dipendenti che hanno leader che mostrano saggezza o compassione hanno esperienze positive nette su tutta la linea. Si divertono, sono impegnati nel loro lavoro e hanno meno probabilità di esaurirsi. Ma, quando un leader dimostra sia saggezza che compassione, l'impatto sul benessere dei dipendenti e sulla produttività è sorprendente. La soddisfazione sul lavoro è dell’86% più alta per un dipendente che lavora per un leader saggio e compassionevole rispetto a un dipendente che non ha un capo di questo genere. In questo caso, la somma è molto più grande delle parti.

Non sorprende, tuttavia, che dirigere con questa combinazione di saggezza e compassione non sia facile. Richiede apprendimento e pratica. Il primo grande passo è quello di disimparare ciò che si potrebbe pensare che significhi “leadership” e di reimparare ciò che significa essere umani. In parole povere, il management consiste nel gestire gli altri, nell’esercitare il controllo esecutivo sulle persone. La leadership, invece, consiste nel vedere e sentire gli altri, nel fissare una direzione e poi nel lasciar andare il controllo di ciò che accade dopo.

«Se si inizia a pensare a quale sia il nostro ruolo come leader, è in realtà abbastanza semplice», ci ha detto Chris Toth, CEO dell’azienda di dispositivi medici Varian. «Il nostro ruolo non è quello di essere quelli che prendono le decisioni o di essere la persona più intelligente dell’ufficio. Infatti, può essere eccezionalmente pericoloso se il processo decisionale spetta sempre al leader. Bisogna, invece, creare una cultura di compassione e di responsabilizzazione che consenta prospettive diverse. Questo sblocca la creatività, la produttività e la felicità delle persone».

Per favorire questo tipo di approccio di leadership, è fondamentale riconoscere che non siamo i nostri titoli di lavoro, siamo esseri umani, che vogliono connettersi a livello umano con le altre persone. Ecco quattro modi per portare più umanità alla tua leadership.

 

Ricordate la regola d’oro

La compassione, alla radice, è il desiderio di vedere gli altri felici e la disponibilità ad agire per far sì che ciò accada. Questa è fondamentalmente un'espressione della “regola d'oro”: fai agli altri quello che vorresti che gli altri facessero a te. La regola d'oro è un passo utile per mettere in azione una saggia compassione, poiché richiede di considerare il punto di vista di un’altra persona. Quando siamo in grado di metterci nei panni dell’altro, possiamo guardare in modo nuovo a una situazione difficile. Possiamo prenderci un momento per capire se abbiamo una visione chiara della situazione, ma le cose possono sembrare molto diverse dalla prospettiva dell’altra persona, e probabilmente lo sono. Anche se mettersi nei panni di un’altra persona fa bene al momento della riflessione, è importante evitare di pensare di sapere cosa sta provando o vivendo l'altra persona. Questo è particolarmente vero nell’ambiente di lavoro di oggi, sempre più diversificato. Dobbiamo bilanciare il metterci nei panni di qualcun altro senza presumere di capire la sua realtà, il che richiede di esercitare un buon ascolto.

 

Ascoltate intensamente

Abbiamo due orecchie ma una bocca soltanto. Questo significa che possiamo - e che dovremmo - ascoltare il doppio di quanto parliamo. Quando ascoltate veramente gli altri, si sentono ascoltati e visti, il che soddisfa uno dei nostri bisogni primari come esseri umani. Se riesci ad ascoltare intensamente, con una mente aperta e la volontà di imparare, non solo diventerai più saggio, ma potrai aiutare veramente gli altri. Se state per avere una conversazione importante, prendetevi un po’ più di tempo per prepararvi. Questo può significare stabilire il giusto tipo di contesto in modo da poter essere pienamente presenti o impostare un'intenzione di ascoltare e sentire davvero ciò che l'altra persona vuole e sente, invece di concentrarvi sul risolvere un problema.

 

Chiedetevi: come posso essere di beneficio?

Un proverbio cinese dice: “Non c’è una via per la compassione; la compassione è la via”. Chiedersi come si può essere di beneficio agli altri, però, è una “via per la compassione”. Ogni volta che state per impegnarvi con qualcuno, prendetevi un momento per riflettere su quello che sta succedendo a questa persona. Cosa è difficile e cosa sta andando bene? E poi chiedetevi: di quale sostegno potrebbe aver bisogno per superare le sue lotte? Di quale stimolo potrebbe aver bisogno per acquisire maggiore consapevolezza di sé sui punti ciechi che stanno creando difficoltà? Riflettere su queste domande prima di incontrare le persone aiuterà a creare un'interazione più umana focalizzata sulla loro crescita e sviluppo.

 

Spingete le persone a vedere il loro potenziale

Tutti vogliamo emergere ed essere apprezzati. Un buon leader apprezza ciò che siamo oggi, ma ci sfida anche a sforzarci e a fare meglio per realizzare di più il nostro vero potenziale. Questo non è facile. Quando qualcuno sta già facendo bene, spingerlo a fare meglio può essere scoraggiante e demotivante. Ma la leadership non consiste nel cercare di compiacere le persone e farle sentire soddisfatte e a proprio agio. La leadership consiste nel sostenere le persone facendo luce su cose che potrebbero non voler affrontare. Invece di rifuggire da queste scomode conversazioni, cercate di vedere il vostro ruolo nello stimolare le persone in termini di autentico supporto nei loro confronti.

Quando pratichiamo una saggia compassione portando più umanità nella leadership, possiamo creare una cultura in cui gli altri daranno maggiore attenzione ai veri legami umani. Come leader, non dovremmo mai sottovalutare l’impatto che abbiamo sugli altri. Abbiamo il potere di verificare come se la passano. Abbiamo il potere sul lavoro che fanno. E abbiamo potere su come si sentono trattati. Questa è una responsabilità enorme e rende estremamente importante fare il duro lavoro della leadership in modo umano, così da poter avere più successo nell'influenzare positivamente l'esperienza lavorativa delle persone, il loro senso di impegno e la loro performance lavorativa.

 

Rasmus Hougaard è fondatore e amministratore delegato e Jacqueline Carter è partner e direttore Nord America di Potential Project, società di consulenza di leadership, sviluppo organizzativo e ricerca che serve Microsoft, Accenture, Cisco e centinaia di altre organizzazioni. Hougard e Carter sono coautori di Compassionate Leadership: How to Do Hard Things in a Human Way e di The Mind of the Leader: How to Lead Yourself, Your People, and Your Organization for Extraordinary Results.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

Edizione Digitale

Leggi Hbr Italia
anche su tablet e computer

Newsletter

Lasciaci la tua mail per essere sempre aggiornato sulle novità di HBR Italia