Dicembre 2021

Quattro principi guida per la trasformazione digitale

Greg Satell, Andrea Kates e Todd McLees

Dicembre 2021

Quattro principi guida per la trasformazione digitale

MirageC/Getty Images

È chiaro che la trasformazione digitale non è più un'opzione, ma un imperativo. Infatti, una recente ricerca di Accenture ha scoperto che, nei tre anni precedenti al 2018, le aziende che hanno guidato il loro settore nell'adozione della tecnologia sono cresciute due volte più velocemente dei ritardatari. Oggi, stanno crescendo cinque volte più velocemente. Il rischio non è più solo quello di rimanere indietro, ma di essere eliminati del tutto.

Attenti, però, la trasformazione digitale non riguarda solo la tecnologia. Il successo implica molto di più che procurarsi semplicemente dei fornitori competenti e fare un po' di formazione agli utenti. Queste iniziative non possono più essere lasciate solo a discrezione dei leader tecnologici e degli esperti IT, ma devono coinvolgere una serie diversificata di stakeholder dell'ecosistema.

Abbiamo un disperato bisogno di uno spostamento di attenzione. Dobbiamo fare di più che implementare la tecnologia. Obiettivi di base come l'ottimizzazione dei costi e il miglioramento dei processi non possono più essere il fine ultimo. I leader devono ispirare e autorizzare la loro intera organizzazione a reimmaginare coraggiosamente il loro ambiente di lavoro, le esigenze dei clienti, l'offerta di prodotti e persino il purpose dell'impresa.

Nel nostro lavoro di aiutare alcune delle organizzazioni più performanti del mondo a superare le sfide della trasformazione digitale, ci concentriamo su quattro principi chiave:

 

Trasformazione digitale non è sinonimo di innovazione

Il ritmo dell'innovazione digitale negli ultimi decenni è stato a dir poco sconvolgente. L'e-commerce, i social media, il web mobile e persino lo streaming video non hanno cominciato ad avere un vero impatto sulle aziende fino a circa un decennio fa. Ora sono componenti significativi dell'ambiente competitivo per quasi tutte le imprese.

Quindi non dovrebbe sorprendere che con le tecnologie avanzate disponibili oggi, come l'automazione dei processi robotici, l'apprendimento automatico, il cloud computing e molto altro, sia facile per i leader perdersi in tutte le incredibili possibilità. Eppure, la trasformazione digitale non riguarda l'innovazione. Si tratta di ottenere risultati di business migliori. Ecco perché consigliamo ai nostri clienti di iniziare con domande legate al business, come "In che modo potremmo servire meglio i nostri clienti attraverso una tecnologia più veloce e flessibile?" o "Come potremmo sfruttare l'intelligenza artificiale per migliorare le esperienze dei dipendenti e trattenere i migliori talenti?". Una volta identificati gli obiettivi di business, è possibile lavorare a ritroso fino a prendere decisioni nelle materie tecnologiche.

Per esempio, uno dei clienti di Andrea nel settore dell'abbigliamento online ha cercato di migliorare l'efficienza dei costi riducendo le scorte. Questo semplice obiettivo li ha portati a investire in sistemi che hanno costituito la base per una trasformazione molto più grande che ha sfruttato l'analisi dei dati per ridurre i costi relativi al mantenimento delle scorte in eccesso nel loro magazzino, migliorando al contempo la soddisfazione dei clienti e i margini di profitto.

 

Arruolare gli appassionati

La prima cosa che ogni trasformazione deve affrontare è la resistenza. Lo status quo ha sempre l'inerzia dalla sua parte e non cede mai il suo potere con grazia. Tuttavia, nessuna organizzazione è monolitica. Ci sono sempre sacche di entusiasmo che possono essere identificate e sfruttate. Si vuole sempre iniziare in un'area dove gli entusiasti sono in maggioranza.

Per esempio, quando il CIO di Experian ha cercato di passare dalla tecnologia tradizionale a un'architettura basata sul cloud per offrire ai suoi clienti un accesso in tempo reale ai dati, sapeva che ad alcuni all'interno dell'azienda non sarebbe piaciuto. Tuttavia, poiché ha iniziato con i product manager già entusiasti del cloud, è stato in grado di aggirare la resistenza iniziale.

Una banca giapponese ha avuto un problema simile con le tecnologie legate alla blockchain. I leader senior erano entusiasti delle possibilità. Ma sapevano che molti manager intermedi l'avrebbero vista come una distrazione da linee di business più collaudate. Così, invece di concentrare i loro sforzi sui clienti esistenti, si sono spostati verso un nuovo segmento di giovani imprenditori esperti di tecnologia che sarebbero stati attratti dalla novità dell'offerta.

 

Iniziare con un cambiamento

Ogni trasformazione è guidata da un senso di visione e di destino. I leader del cambiamento possono provare ad articolare quella visione, ma è spesso difficile per le persone interiorizzare il potenziale abbastanza da superare la loro innata tendenza all'avversione alla perdita. Molti avranno bisogno di vedere l'idea raggiungere un certo successo prima di essere disposti a comprarla.

Ecco perché preferiamo iniziare con un cambiamento che costituisca una chiave di volta in grado di aprire la strada a una trasformazione maggiore. All'Amarillo College in Texas, è iniziato con un semplice desiderio di capire perché gli studenti abbandonavano con tale frequenza. Il suo presidente, il Dr. Russell Lowery-Hart, ha deciso di investire in analisi dei dati per capire meglio i fattori chiave dei tassi di abbandono e arrivare alla radice del problema. I risultati del sondaggio hanno mostrato una serie di cause, dalle sfide finanziarie in corso, all'insicurezza abitativa e alimentare, all'ansia, alla depressione e allo stress, all'accesso al trasporto o al dover essere un caregiver primario, al semplice esaurimento della disponibilità di denaro.

Quell'investimento ha portato a una visione completamente nuova di come la scuola potrebbe capire, servire e sostenere i suoi studenti. Come risultato, i tassi di completamento sono aumentati significativamente. "Quando i sistemi sono costruiti per indirizzare gli studenti verso il successo", mi ha detto Lowery-Hart, "l'intero modello cambia, includendo non solo l'economia, ma la nostra concezione della missione di base".

Allo stesso modo, Experian non è passata al cloud tutta in una volta, ma ha iniziato con l'implementazione delle API interne. Una volta che il team incaricato della trasformazione ha potuto dimostrare il valore aziendale di un migliore accesso ai dati all'interno dei confini dell'organizzazione, è stato molto più facile costruire un caso per l'implementazione completa delle tecnologie cloud.

 

Tecnologia al servizio dell'impresa

La tecnologia non è un fine in sé, ma un mezzo per un fine. Dovrebbe essere al servizio dell'impresa, non il contrario. Il valore reale della trasformazione digitale non può essere raggiunto in una particolare iniziativa o in un'altra. L'obiettivo finale dovrebbe essere una reinvenzione su larga scala del business che trasforma il modo in cui l'organizzazione crea, fornisce e cattura il valore sul mercato.

Il cliente dell'abbigliamento di Andrea ha scoperto che il miglioramento dei sistemi di dati ha permesso loro di cambiare completamente il modo in cui pensavano a come progettare la loro linea di prodotti. Piuttosto che cercare di reagire e adattarsi alle tendenze della moda sul mercato, sono stati in grado di progettare proattivamente l'abbigliamento in base alle intuizioni che stavano vedendo svilupparsi con i loro stessi clienti sulla loro piattaforma. Questo nuovo modello di business è diventato un vantaggio competitivo chiave, ha permesso all'azienda di assumere una posizione di leadership nella sua categoria e ha portato a una crescita a due cifre dei ricavi.

La trasformazione cloud di Experian ha portato ad Ascend, una piattaforma che permette ai suoi clienti di prendere decisioni di credito basate su dati quasi in tempo reale. Ora è uno dei prodotti più redditizi dell'azienda. Per ogni dollaro che l'Amarillo College ha investito in servizi e risorse come il cibo, il trasporto e l'assistenza all'infanzia, 16 dollari di retta sono stati trattenuti triplicando i tassi di completamento. Quel successo iniziale ha portato al finanziamento di nuovi programmi innovativi incentrati sulla democratizzazione dell'istruzione basata sulle competenze nelle comunità meno servite. Ognuna di queste trasformazioni è stata abilitata dalla tecnologia digitale, ma ha avuto gli esseri umani al centro.

In ultima analisi, l'uso più potente degli strumenti digitali non è quello di tagliare i costi, creare efficienza, o anche muoversi più velocemente e con maggiore agilità, ma di porre domande fondamentalmente diverse. È attraverso l'esplorazione di queste nuove possibilità che possiamo risolvere problemi complessi e avere un impatto più significativo per i clienti, i dipendenti e le comunità che serviamo.

Questo articolo gratuito fa parte di una serie realizzata allo scopo di contribuire allo sforzo di far fronte alle conseguenze della pandemia. Se avete apprezzato questi articoli, considerate un abbonamento a Harvard Business Review Italia. È il modo migliore per aiutarci a rafforzare l’iniziativa.

Greg Satell è consulente, autore del bestseller Cascades: How to Create a Movement that Drives Transformational Change. Il suo precedente sforzo, Mapping Innovation, è stato selezionato come uno dei migliori libri di business del 2017. Sito web GregSatell.com; Twitter @DigitalTonto. Andrea Kates è un'esperta di trasferimento dell'innovazione e autrice del best-seller Find Your Next. Ha guidato trasformazioni significative per organizzazioni nella Fortune 500. Sito web: suma.com; Twitter @Andrea_Kates. Todd McLees è partner di Innovation Outpost, dove sta costruendo un ecosistema di più di 50 istituti di istruzione superiore per allineare i loro sforzi con le esigenze dell'industria e creare 100 milioni di dollari di impatto sulla forza lavoro ogni anno. Seguilo su Twitter @ToddMcLees.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

Edizione Digitale

Leggi Hbr Italia
anche su tablet e computer

Newsletter

Lasciaci la tua mail per essere sempre aggiornato sulle novità di HBR Italia