ETICA

Gli imprenditori e la verità

Spesso la alterano, ma non demonizziamoli: il problema è sistemico.

Kyle Jensen, Tom Byers, Laura Dunham, Jon Fjeld

Settembre 2021

Gli imprenditori e la verità
Nei primi tempi di Vice Media, il co-fondatore Shane Smith mandò alcune copie della nascente rivista pubblicata dalla start-up di Montreal a un negozio di dischi di Miami e a uno di skate di Los Angeles, in modo da poter dire agli inserzionisti che il suo pubblico di lettori era distribuito in tutto il Nord America: azione che ben si addice al nomignolo “contapalle Shane”, attribuitogli (pare) da un amico e collega.   Imbrogli di tale portata sono fin troppo comuni nel mondo delle start-up. Le regole dell’imprenditorialità incoraggiano i fondatori a diventare truffatori ed evangelizzatori per le loro aziende. A dirla tutta, i fondatori leggendari vengono celebrati per la loro capacità di ispirare gli altri, anche se questo significa aver un po’ stiracchiato la verità. Pensiamo a Steve Jobs, lanciatore di start-up per eccellenza. I primi dipendenti di Apple lo descrivono come in grado di “convincere chiunque di qualunque...

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

0 / 3

Free articles left

Abbonati!