LEADERSHIP

Nuove ricette per il potere

Dedicate meno tempo a esercitare il controllo e più tempo a risvegliare energia e impegno.

Elizabeth Long Lingo, Kathleen L. McGinn

Settembre 2020

Nuove ricette per il potere
TARA, CHIEF STRATEGY OFFICER di una società di software, era il nuovo membro della C-suite. Ad eccezione dell’amministratore delegato, gli altri manager si erano uniti al gruppo dirigente provenendo dall’area tecnologica nel corso delle acquisizioni. Tara, l’unico MBA, proveniva invece dall’area business ed era stata raccomandata dal consiglio di amministrazione. Era entusiasta del suo mandato: guidare una strategia coerente coinvolgendo le diverse, e frammentate, divisioni dell’azienda. Alcuni mesi dopo, però, Tara aveva combinato ben poco. Veniva continuamente bloccata dai suoi colleghi. In preda alla frustrazione, ha così chiesto ai suoi referenti nel consiglio di amministrazione di darle una mano con l’amministratore delegato. Rimase però sbalordita quando non solo rifiutarono, ma dissero che forse avevano sbagliato a raccomandarla per il posto. Cosa era andato storto? Come la maggior parte dei leader scopre prima o poi, padroneggiare situazioni di potere è raramente un compito semplice. Limitarsi a un mero esercizio di controllo...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!