SPECIALE / L’EVOLUZIONE DEL PENSIERO PROGETTUALE

Come Indra Nooyi ha trasformato la logica di progettazione in una strategia

“Un prodotto ben progettato è un prodotto di cui ci si innamora”.

Settembre 2015

 INTERVISTA DI ADI IGNATIUS A INDRA NOOY SOLO POCHI ANNI FA, non si capiva ancora bene se Indra Nooyi sarebbe sopravvissuta al timone di PepsiCo. Molti investitori la consideravano un colosso dai piedi d’argilla i cui brand principali perdevano quote di mercato. E criticavano il nuovo orientamento strategico della Nooyi in senso più salutistico. Nelson Peltz, investitore e attivista di primo piano, voleva dividere in due l’azienda. Oggi Indra Nooyi, 59 anni, trasuda ottimismo. Pepsi ha sperimentato una crescita costante nei nove anni trascorsi da quando è al posto di comando, e il prezzo delle azioni è tornato a crescere dopo alcuni anni di ristagno. L’irriducibile Peltz ha accettato una tregua in cambio di un posto in consiglio di amministrazione per uno dei suoi alleati. Tutto questo permette alla Nooyi di concentrarsi su ciò che, a suo dire, promuove l’innovazione nell’azienda: il pensiero progettuale. Nel 2012 ha assunto Mauro Porcini,...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!