SPECIALE / MANAGEMENT INTERNAZIONALE

Qual è la vostra strategia linguistica?

Dovrebbe collegare il talent management globale e la visione della vostra azienda.

Tsedal Neeley e Robert Steven Kaplan

Settembre 2014

La lingua pervade tutti gli aspetti della vita organizzativa. Ha a che fare con tutto. Eppure, incredibilmente, i leader delle organizzazioni globali, i cui dipendenti parlano una varietà di lingue, vi dedicano spesso troppo poca attenzione nel loro approccio al talent management. Come abbiamo osservato recentemente in innumerevoli organizzazioni, il multilinguismo incontrollato crea inefficienze anche nelle forze lavoro più dedicate e di maggior talento. Può compromettere le interazioni su scala internazionale, far perdere fatturato e creare tanti altri seri problemi che minacciano la competitività (vedi anche “Il business globale parla inglese”, di Tsedal Neeley, HBR maggio 2012). Lo sviluppo di una strategia organica per la gestione del linguaggio può contribuire a trasformare quella vulnerabilità in una fonte di vantaggio competitivo. La scelta di una lingua franca, ossia una lingua comune, può migliorare sensibilmente il livello di collaborazione internazionale dei dipendenti – anche se crea nuove sfide. Da una parte, la...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!