SPECIALE / MANAGEMENT INTERNAZIONALE

Intelligenza contestuale

Pur avendo alle spalle trent’anni di sperimentazione e di studio, cominciamo solo adesso a renderci conto che alcune conoscenze manageriali sono universali, mentre altre sono specifiche di un mercato o di una cultura.

Tarun Khanna

Settembre 2014

Come manager o come accademici studiamo il business per trarne un apprendimento, formalizzarlo e applicarlo a problemi che vogliamo risolvere. Ecco perché frequentiamo una business school, scriviamo dei casi di studio, sviluppiamo degli schemi di analisi e leggiamo l'HBR. Io credo fermamente nell'importanza di questo lavoro: ho dedicato tutta la mia carriera allo studio del business così come viene praticato in vari contesti globali. Ma sono giunto a una conclusione che potrebbe sorprendervi: tentare di applicare uniformemente le pratiche manageriali in tutte le aree geografiche è una stupidaggine, anche se vorremmo credere il contrario. Certo, tantissime aspirazioni godono di un'ampia accettazione, pressoché universale. Quasi tutti gli imprenditori e quasi tutti i manager concordano, per esempio, nel riconoscere che creare valore e motivare i collaboratori di talento sono due attività di importanza cruciale per il loro lavoro. Ma quando si scava un po' più in profondità, emergono rapidamente delle differenze su...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!