INNOVAZIONE & CREATIVITA’

Genio collettivo

I leader intelligenti riscrivono le regole dell’innovazione abbandonando l’immagine del visionario solitario

Linda A. Hill, Greg Brandeau, Emily Truelove e Kent Lineback

Settembre 2014

Oggi il successo straordinario ottenuto da Google nei suoi primi dieci anni di vita sembra quasi inevitabile, ma basta entrare nel gruppo infrastrutture di sistemi dell’azienda californiana per accorgersi quasi subito che non è così. È stato soprattutto questo reparto, con la sua capacità di innovare ed espandere la propria infrastruttura a un ritmo senza precedenti, a rendere possibile la crescita fulminea del colosso di Mountain View. Bill Coughran, vicepresidente del settore ingegneristico, ha guidato gli 11.000 dipendenti del gruppo infrastrutture di sistemi dal 2003 al 2011, costruendo la “sala macchine” di Google, i sistemi e i dispositivi che consentono a tutti noi di usare il motore di ricerca e i tanti altri servizi dell’azienda californiana ventiquattr’ore su ventiquattro. «Eravamo gli unici al mondo a fare quel tipo di lavoro», racconta. «Perciò, quando si presentava un problema, non potevamo semplicemente uscire e andare a comprare la soluzione. Dovevamo crearla». Coughran...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!