SPECIALE / MANAGEMENT INTERNAZIONALE



Diversificare i talenti in funzione del mercato

EDUARDO CARIDE

Settembre 2014

Telefónica è una multinazionale giovanissima: anche se a partire dal 1990 abbiamo investito in aziende e partnership fuori dalla Spagna, solo nel 2000 abbiamo cominciato ad acquisire quote di controllo, con l'obiettivo di diventare un'azienda veramente globale. Oggi operiamo in 14 Paesi latino-americani, in sei Paesi europei e in Cina. Di conseguenza, abbiamo iniziato a ragionare molto più approfonditamente sulla esportabilità dei nostri talenti e sulla diversity dei nostri gruppi dirigenti. Vediamo numerosi benefici nella mobilità internazionale dei manager. Il primo è la fertilizzazione incrociata: le persone possono trasferire le lezioni che hanno appreso - i processi e le strategie di maggior successo - da un Paese all'altro. Il secondo è costituito dalle relazioni: quando hai lavorato in diversi mercati nazionali, è più facile tirare su il telefono per chiedere aiuto nella soluzione di un problema. Da argentino che ha trascorso due anni presso l'ufficio di Telefónica a Miami e...

Hai ancora 1 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

1 / 3

Free articles left

Abbonati!