L’Oréal e l’arte del multiculturalismo

Settembre 2013

prezzo 5,00

Da quando si è trasformata da azienda molto francese a leader globale l’azienda di cosmesi L’Oréal si è cimentata con la tensione che è al cuore di ogni impresa globale: conquistare economie di scala e campo d’azione richiede una certa uniformità e integrazione delle attività tra i diversi mercati. Tuttavia, servire mercati regionali e nazionali richiede l’adattamento dei prodotti, dei servizi e dei modelli di business alle condizioni locali.

A partire dalla fine degli anni 90 la marca L’Oréal Paris – che conta per metà delle vendite della divisione prodotti per il consumatore – ha affrontato quella tensione coltivando un pool di manager con background culturale misto, e piazzandoli al centro di interazioni basate sulla conoscenza nell’attività più critica dell’azienda: lo sviluppo di nuovi prodotti.

L’Oréal Paris costruisce team di sviluppo prodotti attorno a questi manager che, in virtù della loro educazione ed esperienza, hanno guadagnato familiarità con le norme e i comportamenti di culture multiple e possono muoversi facilmente tra esse. Essi sono qualificati in modo unico per giocare vari ruoli cruciali: notare opportunità di nuovi prodotti, facilitare la comunicazione attraverso i confini culturali e servire come paracolpi culturale tra i dirigenti e i loro riporti diretti e tra le filiali e la sede centrale.  

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

Edizione Digitale

Leggi Hbr Italia
anche su tablet e computer

Newsletter

Lasciaci la tua mail per essere sempre aggiornato sulle novità di HBR Italia