La verità sulla customer experience

I touchpoint sono importanti, ma è l’intero percorso che conta realmente

ALEX RAWSON, EWAN DUNCAN E CONOR JONES

Settembre 2013

LE AZIENDE HANNO ENFATIZZATO A LUNGO I TOUCHPOINT – i molti momenti critici in cui i clienti interagiscono con l’organizzazione e la sua offerta, sul loro tragitto di acquisto e dopo di esso. Ma limitarsi a concentrare gli sforzi per massimizzare la soddisfazione in quei momenti può creare un quadro distorto che starebbe a indicare che i clienti sono più contenti dell’organizzazione di quanto non siano in realtà. Sposta anche l’attenzione dal quadro più ampio e rilevante: il percorso complessivo del cliente.   Pensate a un servizio di routine – ad esempio una query di prodotto – dal punto di vista sia dell’azienda sia del cliente. L’azienda può ricevere milioni di telefonate sul prodotto e deve gestirle tutte bene. Ma il cliente, se venisse interrogato su quell’esperienza alcuni mesi dopo il fatto, non descriverebbe mai la propria telefonata come una semplice “domanda su un prodotto”. Capire il contesto di una...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!