SPECIALE / STRATEGIA

Regole semplici per un mondo complesso

Qualunque strategia diventa più efficace se i dipendenti hanno delle direttive chiare per prendere decisioni critiche.

Donald Sull e Kathleen M. Eisenhardt

Settembre 2012

Una decina di anni fa, mentre cercavamo di capire perché certe aziende dell'alta tecnologia prosperavano durante il boom di Internet, abbiamo fatto una scoperta che ci ha sorpresi: per formulare le proprie strategie di alto livello, aziende come Intel e Cisco non si affidavano a schemi complicati, ma a semplici regole empiriche. Anche se operavano in settori straordinariamente complessi, difficili e in rapida evoluzione. Abbiamo scoperto inoltre che quelle regole non erano solo semplici, ma anche specifiche. I manager identificavano tipicamente un processo critico - per esempio l'effettuazione delle acquisizioni o l'allocazione del capitale - all'interno del quale un collo di bottiglia ostacolava la crescita, dopodiché sviluppavano alcune direttive per gestire il processo. Questo approccio aiutava le aziende a colmare il gap tra strategia ed esecuzione - a prendere decisioni immediate e ad adattarsi a situazioni in rapido cambiamento, pur tenendo sempre presente il quadro complessivo. Abbiamo pubblicato le nostre...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!