RISORSE UMANE

Le madri lavoratrici trascineranno in tribunale la vostra azienda?

Sempre più spesso, le giurie danno ragione a donne che si trovano ad affrontare discriminazioni sui luoghi di lavoro.

Joan C. Williams e Amy J.C. Cuddy

Settembre 2012

LA MAGGIOR PARTE dei manager sa ormai come tenersi per sé i pregiudizi legati al genere. Può darsi che alcuni ritengano che gli uomini siano più portati a ricoprire determinati ruoli e le donne altri, ma praticamente tutti sappiamo che esprimere a voce alta questi punti di vista rischia di crearci problemi sul lavoro. Teniamo perciò la bocca chiusa e ci controlliamo esattamente come facciamo per la questione dell'età. Eppure, sorprende che in molti esprimano invece i propri dubbi su una particolare sottocategoria di dipendenti che è quella formata da chi presta assistenza agli altri, in particolar modo le madri che lavorano. Questo tipo di discriminazione ha un nome: «il pregiudizio del muro materno». Assume la forma di commenti del tipo «Non ti senti male a lasciare a casa i bambini? Non ti mancano?». Per molto tempo, i dipendenti si sono sentiti liberi di fare commenti del genere senza il...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!