SPECIALE / STRATEGIA

Applicare la scienza all’arte della strategia

I leader non sono quasi mai in grado di coniugare rigore empirico e pensiero strategico. Ecco come potrebbero migliorare su questo fronte.

A. G. Lafley, Roger L. Martin, Jan W. Rivkin e Nicolaj Siggelkow

Settembre 2012

Chi effettua la pianificazione strategica si fa vanto del proprio rigore. Le strategie dovrebbero essere guidate dai numeri e da un’analisi approfondita, senza venire inquinate da pregiudizi, valutazioni soggettive od opinioni. Più estesi sono i fogli elettronici, più fiducia ha l’organizzazione nel proprio processo strategico. Tutti quei numeri, e tutte quelle analisi, appaiono scientifici – e nel mondo di oggi, “scientifico” è sinonimo di “buono”. Ma se è così, perché in quasi tutte le aziende medio-grandi i manager operativi detestano il rito della pianificazione strategica annuale? Perché porta via così tanto tempo e ha un impatto così scarso sulle attività dell’azienda? Parlate con quei manager e scoprirete quasi certamente una frustrazione più profonda: la sensazione che la pianificazione strategica non produca strategie innovative, limitandosi invece a perpetuare lo status quo. Una reazione assai comune è diventare apertamente antiscientifici – liberarsi dalle catene del macinare numeri in modo organizzato e ricorrere...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!