GRANDI IDEE

Deficit di valutazione

Lo strapotere dei modelli statistici ha privato il settore finanziario di quelle valutazioni caso per caso che hanno fatto la forza del capitalismo. Una tendenza che va combattuta.

Amar Bhidé

Settembre 2010

L’economia moderna crea e diffonde una prosperità senza precedenti basandosi sullo spirito imprenditoriale e sulle risorse di molti e non seguendo ciecamente i dettami di pochi. Oggi possiamo fare e agire sulla base delle nostre scelte individuali in una misura impensabile per i nostri predecessori. E per molti di noi questa umanizzazione del lavoro è altrettanto importante del benessere materiale che ci assicura. Nel suo discorso all’Accademia di Svezia per il conferimento del premio Nobel 2006, l’economista Edmund Phelps ha affermato che la grande virtù di un’economia capitalista dinamica sta nell’offrire la possibilità di lavorare in maniera più soddisfacente e non nell’ottenere maggiore benessere. Tuttavia questo trionfo dell’iniziativa e della decisione indipendente – di quella che io chiamo “economia avventurosa” - è tutt’altro che assoluto, né dovrebbe esserlo. Certamente il crollo dell’Unione Sovietica e della sua struttura economica pianificata e calata dall’alto come un monolite ha liberato milioni di persone...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!