INNOVAZIONE

Nature Co-Design: una nuova rivoluzione industriale “generativa”

Vi è una nuova rivoluzione all’orizzonte, potenzialmente molto più disruptive di Industria 4.0, che si fonda sull’incontro tra la biologia, la chimica, la scienza dei materiali e la nanotecnologia per sfruttare la natura come piattaforma manifatturiera a livello atomico. Un approccio che si presenta come particolarmente appropriato per le imprese italiane.

Carlo Bagnoli, Massimo Portincaso

Ottobre 2021

Nature Co-Design: una nuova rivoluzione industriale “generativa”
La quarta rivoluzione industriale, nota anche come industria 4.0, riduce in primis e significativamente gli effetti positivi delle economie di scala, abilitando su larga scala la capacità di produzione manifatturiera personalizzata. Questo apre grandi opportunità per le PMI italiane se sapranno sfruttare le opportunità offerte dalle tecnologie digitali per disegnare nuovi modelli di business funzionali a intercettare al meglio la crescente domanda di Made in Italy. Ma vi è una nuova rivoluzione all’orizzonte potenzialmente molto più disruptive di Industria 4.0 che si fonda sull’incontro tra la biologia, la chimica, la scienza dei materiali e la nanotecnologia per sfruttare la natura come piattaforma manifatturiera a livello atomico. Questa nuova rivoluzione si chiama Nature Co-Design; e non è un caso che proprio nel 2011, l’anno a cui si riconduce il riconoscimento formale di Industria 4.0, Steve Jobs affermò: «I think the biggest innovations of the 21st century will be at the intersection...

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

0 / 3

Free articles left

Abbonati!