Non esagerate con il people management

La tendenza all’ottimizzazione ingegneristica toglie motivazione ai dipendenti

Peter Cappelli

Ottobre 2020

Non esagerate con il people management
L’avvio della lunga marcia verso un management illuminato viene generalmente datato negli anni Trenta, quando i ricercatori, e soprattutto i capi delle aziende, cominciarono ad abbandonare l’assunto che gli operai dovevano venire trattati come macchine, costringendoli a svolgere i loro compiti in base a specifiche tecniche estremamente dettagliate. Nacque così l’idea che la performance dell’azienda sarebbe migliorata coinvolgendo effettivamente le persone nelle decisioni operative. La fazione pro-empowerment è cresciuta per decenni. Ma oggi appare evidente che il pendolo è tornato a oscillare nella direzione opposta – che il vecchio modello ingegneristico si sta riaffermando alla grande. Ed è motivo di forte preoccupazione. Mentre molte organizzazioni – specie quelle che sono più appiattite o hanno adottato metodi di lavoro agile – dicono ancora di credere nel coinvolgimento dei lavoratori, sono vieppiù numerose quelle che sembrano adottare un approccio orientato all’ottimizzazione, in base al quale il processo decisionale e il controllo vengono...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!