SPECIALE / COPPIE IN CARRIERA

Come si organizzano le coppie che funzionano

Le partnership di successo eludono le trappole più prevedibili e gestiscono al meglio tre punti di

transizione problematici.

JENNIFER PETRIGLIERI

Ottobre 2019

Camille e Pierre si sono incontrati a poco più di quarant’anni, dopo la fine dei rispettivi matrimoni. Tenevano entrambi alla carriera e alla loro nuova relazione. Camille, una commercialista, era stata insistentemente invitata dall’ex marito a frenare la corsa per diventare partner dello studio. Pierre, manager di produzione di una casa automobilistica, era alle prese con un divorzio complicato dalla moglie che aveva rinunciato alla carriera per seguirlo nei suoi continui trasferimenti. (Come per le altre coppie descritte in questo articolo, questi non sono i loro veri nomi). Provati dalle precedenti esperienze, hanno deciso di mettere le rispettive carriere su un piano di assoluta parità. All’inizio andava tutto bene, ma a distanza di due anni Camille ha cominciato a sentirsi ingabbiata in un percorso professionale che si rendeva conto di avere scelto solo perché «era quello giusto per dei ragazzi in gamba». Fedele al loro patto, Pierre ha ascoltato con...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!