INNOVAZIONE

Perché il design thinking funziona davvero

Mette in luce i pregiudizi e i comportamenti che ostacolano l’innovazione.

JEANNE LIEDTKA

Ottobre 2018

Di tanto in tanto, un nuovo modo di organizzare il lavoro genera miglioramenti straordinari. Il total quality management (TQM) lo fece negli anni Ottanta combinando una serie di strumenti – kanban card, circoli di qualità e così via - con l’intuizione che gli operai potevano fare un lavoro di livello molto più elevato rispetto a quello che si chiedeva loro normalmente. Quella combinazione di strumenti e di intuizione, applicata a un processo operativo, si può considerare una tecnologia sociale. In uno studio recente, durato sette anni, nel quale ho studiato approfonditamente 50 progetti relativi a una vasta gamma di settori, tra cui il business, l’assistenza sanitaria e i servizi sociali, ho scoperto che un’altra tecnologia sociale, il design thinking, potrebbe fare per l’innovazione esattamente ciò che ha fatto il TQM per la produzione: liberare appieno le energie creative delle persone, stimolarne l’impegno e migliorare radicalmente i processi. Ormai quasi tutti...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!