SELF MANAGEMENT

Non lasciate che il potere vi corrompa

Come salire in alto senza perdere le virtù che hanno reso possibile l’ascesa

Dacher Keltner

Ottobre 2016

La ricerca comportamentale che ho condotto negli ultimi 20 anni mi ha permesso di individuare un meccanismo deleterio: se in genere le persone acquistano potere grazie a caratteristiche e azioni che promuovono gli interessi altrui  –  empatia, collaborazione, apertura, equità e condivisione  –  quando cominciano a sentirsi potenti o a godere di una posizione di privilegio queste qualità iniziano ad appannarsi. I potenti hanno più probabilità rispetto agli altri di comportarsi in modo scortese, egoista e poco etico. Lord Acton, storico e politico dell’Ottocento, aveva ragione: il potere tende veramente a corrompere. Ho studiato questo fenomeno, che chiamo «il paradosso del potere», in molteplici contesti: college, squadre sportive professionistiche, il Senato statunitense e una serie di ambienti lavorativi. Ovunque ho constatato che le persone si affermano grazie alle loro buone qualità ma che, man mano che salgono la scala gerarchica, il loro comportamento peggiora. Questo cambiamento può avvenire in modo...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!