SPECIALE / COSTRUIRE LA FORZA LAVORO DEL FUTURO

La rivoluzione del performance management

L’enfasi si sta spostando dalla responsabilizzazione all’apprendimento.

PETER CAPPELLI E ANNA TAVIS

Ottobre 2016

Quando Brian Jensen disse a un pubblico di manager delle risorse umane che Colorcon aveva definitivamente abbandonato le valutazioni annuali della performance, li lasciò letteralmente sconcertati. Era il 2002, e lui era il responsabile delle risorse umane del colosso farmaceutico internazionale. In quella presentazione alla Wharton School, Jensen  spiegò che Colorcon aveva trovato un modo più efficace di rinforzare i comportamenti desiderati e di gestire la performance: i capi davano ai collaboratori un feedback istantaneo, legato ai loro obiettivi, e distribuivano piccoli bonus settimanali a quelli che operavano nel modo giusto. A quei tempi l'idea di abbandonare il processo tradizionale di valutazione della performance - e tutto ciò che ne derivava - sembrava eretica. Ma oggi, stando ad alcune stime, più di un terzo delle aziende americane hanno fatto questa scelta. Dalla Silicon Valley a New York, e negli uffici di tutto il mondo, stanno sostituendo alle valutazioni annuali verifiche...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!