SPECIALE / COSTRUIRE LA FORZA LAVORO DEL FUTURO

La riorganizzazione del talento in AT&T

L’azienda sta sforzandosi di riaddestrare centinaia di migliaia di dipendenti. Sarà realmente in grado di farlo?

JOHN DONOVAN E CATHY BENKO

Ottobre 2016

Dato che aveva costruito l'infrastruttura telegrafica e telefonica degli Stati Uniti nel secolo scorso, un tempo AT&T poteva vantarsi di essere l'azienda "in cui si inventava il futuro". Ma oggi il colosso di Dallas, come tante altre aziende dell'alta tecnologia, ha di fronte un futuro nel quale le sue attività tradizionali stanno diventando rapidamente obsolete. Con il passaggio del settore dalle comunicazioni via cavo e dall'hardware a Internet e al cloud, AT&T si sta reinventando rapidamente. Il riposizionamento strategico comporta una sfida enorme per la funzione risorse umane. AT&T dà lavoro a 280 mila persone, la maggior parte delle quali ha studiato e si è formata professionalmente in un'altra epoca. L'anzianità media è 12 anni - che diventano 22 se si escludono gli addetti ai call center. Ma anziché assumere nuovi talenti in massa, AT&T ha deciso di riaddestrare in tempi brevi i dipendenti che ha, tentando nel contempo di...

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

0 / 3

Free articles left

Abbonati!