SPECIALE / COSTRUIRE LA FORZA LAVORO DEL FUTURO


La globalizzazione, i robot e il futuro del lavoro

Jeffrey Joerres, ex CEO e presidente di Manpower Group

Ottobre 2016

QUANDO JEFFREY JOERRES entrò in Manpower nel 1993, il mercato del lavoro era relativamente stabile e l'azienda si focalizzava ancora in prevalenza sulla ricerca di operai e impiegati. Ma da allora, il panorama dell'occupazione è stato totalmente ridisegnato dalla globalizzazione e dai rapidi progressi intervenuti nella tecnologia. Joerres, che ha guidato il Manpower Group per quindici anni prima di dimettersi nel 2015, ha risposto puntualmente a quei cambiamenti, espandendo l'attività internazionale dell'azienda e portandola nei mercati sempre più competitivi dell'IT, della finanza e dell'engineering. Joerres - che oggi ha 56 anni, vive a Milwaukee e fa l’investitore - ha parlato con Amy Bernstein di HBR della trasformazione in atto nel lavoro e di come gestirla.   HBR: Quali trend stanno influenzando la composizione la forza lavoro? JOERRES: Il più evidente – quello che ha scosso dalle fondamenta il mercato - è la globalizzazione. Negli anni Novanta, se non avevi una...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!