MARKETING

I rischi di presentare un prodotto come “il migliore”

Jingjing Ma e Neal J. Roese

Ottobre 2014

Un’azienda dispone di un buon prodotto e naturalmente vuole che i consumatori lo ritengano il migliore sul mercato. L’ufficio marketing prepara quindi una campagna pubblicitaria che ne evidenzia la superiorità rispetto alla concorrenza per caratteristiche e prezzo e viene ricompensata da ottime vendite. Ma invece di poter capitalizzare il successo, l’azienda comincia a ricevere un gran numero di lamentele e di resi. La strategia si è rivelata chiaramente controproducente, ma perché? Casi come questi evidenziano come la pubblicità comparativa e un posizionamento basato sull’affermazione che il prodotto è il migliore in circolazione attivino un meccanismo, noto come mentalità massimizzatrice, che porta le persone a considerare tutto ciò che è men che perfetto come uno spreco di soldi. I nostri studi hanno rilevato che, benché alcune persone siano per natura “massimizzatrici” e altre tendano invece ad accontentarsi di ciò che è sufficientemente buono, questi approcci non sono statici. La mentalità massimizzatrice...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!