SPECIALE / BIG DATA

Data Scientist: il lavoro più interessante del XXI secolo

Imparate a conoscere le persone che sono in grado di estrarre un tesoro da una massa caotica e destrutturata di dati.

Thomas Davenport e D. J. Patil

Ottobre 2012

Nel giugno 2006, quando Jonathan Goldman ha iniziato a lavorare in LinkedIn, il sito di networking professionale, l’ambiente ricordava ancora da vicino quello di una start-up. L’azienda aveva poco meno di otto milioni di clienti registrati, il cui numero cresceva rapidamente attraverso il continuo coinvolgimento di amici e colleghi. Ma gli utenti non si connettevano con la frequenza che si aspettavano i responsabili del sito. Evidentemente mancava ancora qualcosa nell’esperienza sociale. Come ha detto un manager di LinkedIn, «Era come partecipare al ricevimento che si tiene dopo un convegno e scoprire che non si conosce nessuno. Perciò te ne stai in un angolo sorseggiando il tuo drink – e te ne vai via presto». Goldman, che aveva conseguito il PhD in fisica a Stanford, era intrigato dal numero dei contatti e dalla ricchezza dei profili. Tutto ciò generava dati caotici e un’analisi inefficiente, ma quando ha iniziato a studiare le...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!