SUPPLY CHAIN

Una supply chain trasparente

Fate sapere ai clienti tutto sulla provenienza dei vostri prodotti. Prima che lo scoprano da soli.

Steve New

Ottobre 2010

Le origini dei prodotti di un’azienda sono sempre state piuttosto oscure. Al di fuori della supply chain, non interessavano praticamente a nessuno. Naturalmente è cambiato tutto. I consumatori, i governi e le imprese pretendono informazioni dettagliate sui sistemi e sulle fonti che generano tali prodotti. Si preoccupano della qualità, della sicurezza, dell’etica e dell’impatto ambientale. Le aziende lungimiranti affrontano direttamente le nuove minacce e le nuove opportunità insite nella domanda “Da dove arriva questa roba?” Considerate i problemi che può causare una supply chain opaca. La maggior parte dei possessori di iPhone non si preoccupa della provenienza del proprio telefono intelligente, ma nel 2009 i suicidi di alcuni operai della Foxconn, uno dei principali fornitori cinesi di Apple, hanno obbligato l’azienda a sollevare nuovamente il sipario su una parte della sua supply chain. Ha dovuto confutare le accuse di sfruttamento della manodopera a basso costo. Un altro caso di alto...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!