SUPPLY CHAIN

La supply chain sostenibile

Intervista di Steven Prokesch a Peter Senge

Ottobre 2010

Per fare progressi sulle problematiche ambientali, dice Peter Senge, le imprese devono capire che fanno parte di un sistema più vasto. Senge, fondatore della Society for Organizational Learning e docente alla Sloan School of Management del MIT, nonché autore di The Fifth Discipline e The Necessary Revolution, parla della difficoltà di dirigere le organizzazioni in una fase in cui le loro supply chain devono subire una trasformazione radicale.   Che cosa deve fare un’azienda per migliorare seriamente la gestione dell’acqua, dell’energia e degli sprechi nella sua supply chain? Il problema comincia ad assumere una dimensione reale nel momento in cui la gente si convince che questi aspetti sono strategici e che influenzeranno il futuro del business. Uso il meno possibile la parola “sostenibilità” perché è troppo generica; mette in allarme la gente. Per affrontare questi problemi con un approccio pratico, bisogna avere dei dipendenti innovativi – in possesso delle competenze...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!