IMPRESE SOCIALI

Il mercato emergente dei capitali per il non profit

Come i meccanismi di mercato del settore privato possono dare impulso al mondo non profit.

Robert S. Kaplan e Allen S. Grossman

Ottobre 2010

Cinquant’anni fa, Microsoft, Wal-Mart, Intel., Apple, Cisco, Oracle e Google non esistevano nemmeno. Oggigiorno ciascuna di queste imprese ha un valore di mercato superiore ai 100 miliardi di dollari. Nel frattempo, molte aziende che erano considerate giganti nel 1960 – come Bentlehem Steel, U.S. Steel, CBS, RCA, GTE, ITT e LTV – sono scomparse, si sono rimpicciolite o si sono fuse con altre società. Questi mutamenti sensazionali di fortune sono vividi esempi del famoso ciclo di distruzione creativa descritto dall’economista Joseph Schumpeter. Per contro, poche imprese non profit sono riuscite a raggiungere il palcoscenico nazionale (Habitat for Humanity e Teach for America sono tra le eccezioni) ed è raro che le non profit più grandi lascino la testa della classifica o scompaiano per sempre. Il ciclo di Schumpeter sembrerebbe non funzionare nel settore sociale. A prima vista sorprende il fatto che poche non profit innovative raggiungano una taglia significativa, perché...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!