STRATEGIA & CONCORRENZA

Costruire l'impresa co-creativa

Date più voce a tutti i vostri stakeholder e vi offriranno spunti, entrate e profitti migliori.

Venkat Ramaswamy e Francis Gouillart

Ottobre 2010

Quasi ogni azienda si preoccupa di quale sia l'esperienza che vivono i clienti con i suoi prodotti e servizi. Quante, però, sono quelle che si interrogano sulle esperienze degli altri loro stakeholder (dipendenti, fornitori e distributori, organizzazioni non governative e organi regolatori), quelle che poi determinano in modo diretto o indiretto le esperienze dei clienti? Quando diciamo “preoccuparsi” intendiamo seriamente. Certo, le aziende hanno fatto molto nel corso degli anni per costruire con gli stakeholder relazioni maggiormente fondate sulla fiducia e per coinvolgerli in modo più profondo nel processo di risoluzione dei problemi. Abbiamo visto il management partecipativo alla giapponese, le “partnership” con i fornitori, i circoli di qualità, la produzione snella e Six Sigma. L'ultima cosa in ordine di tempo è, ovviamente, l'invito rivolto a chiunque a scambiare idee e opinioni sui siti delle aziende e tramite social media come Facebook. La realtà è che alle esperienze della maggior...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!