Risorse Umane

Ripensare la forza lavoro on-demand

Le piattaforme digitali per la ricerca di collaboratori di talento sono maturate, e molte aziende le usano per selezionare lavoratori a contratto di alto profilo. Adesso devono cominciare a farne un uso strategico.

Joseph Fuller, Manjari Raman, Allison Bailey, Nithya Vaduganathan

Novembre 2020

Ripensare la forza lavoro on-demand
In quest'era di penuria cronica di competenze, automazione rapida e trasformazione digitale, le imprese si trovano di fronte a un problema sempre più grave, che rischia di trasformarsi in un collo di bottiglia strategico. Come possono trovare persone con le competenze giuste per fare il lavoro giusto al momento giusto? L’emivita delle competenze si sta accorciando rapidamente e molti posti di lavoro si creano e si distruggono nel giro di pochi anni. E, come se non bastasse, sono in corso grossi cambiamenti demografici. I Baby Boomer stanno andando in pensione, sostituiti dai Millennial e dalla Generazione Z, che portano con sé priorità molto diverse su chi dovrebbe fare cosa – e su dove, quando e come si dovrebbe fare quel lavoro. Per aiutare le imprese ad affrontare queste sfide, è emersa una nuova generazione di piattaforme per la ricerca di collaboratori di talento – come Catalant, InnoCentive, Kagle, Toptal e...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!