FINANZA - novembre 2018

LA GRANDE SFIDA DEL PRIVATE BANKING

Federica Bertoncelli

Novembre 2018

prezzo 0,00

Raggiungere una clientela di alto profilo, leggerne i bisogni complessi, conquistarne la fiducia e proporre soluzioni personalizzate sono i pilastri del lavoro quotidiano del consulente private. Un lavoro che ha come obiettivo proteggere e accrescere il patrimonio, finalità che non può prescindere dalla conoscenza del cliente come persona e che ha come strumento la gestione efficace ed efficiente di un network di professionisti.

Fino ad oggi il settore del Private Banking è stato in grado di mantenere elevati standard qualitativi, che però dovranno essere ulteriormente migliorati per affrontare efficacemente il passaggio al Wealth Management. In questo, la segmentazione della clientela può rappresentare un aiuto importante, perché permette di indirizzare al meglio l’attività del consulente, calibrandola sulla persona e quindi rendendola più efficace.

Un’esperienza quella descritta nell’articolo che può rappresentare un modello anche per altri settori, dove la fornitura di servizi per una clientela di alto profilo e con elevate aspettative rende necessario fare ricorso a professionalità diverse, che se organizzate in rete e coordinate da una figura “pivot” possono garantire elevati gradi di soddisfazione della clientela.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

Edizione Digitale

Leggi Hbr Italia
anche su tablet e computer

Newsletter

Lasciaci la tua mail per essere sempre aggiornato sulle novità di HBR Italia