SPECIALE / GUIDA PER I MANAGER ALLA REALTÀ AUMENTATA

L’esperienza maturata da un’azienda nell’AR

CONVERSAZIONE CON IL CHIEF DIGITAL OFFICER DI ABB, GUIDO JOURET

Gardiner Morse

Novembre 2017

Guido Jouret è stato assunto dal colosso industriale svizzero ABB nel 2016, dopo aver ricoperto per oltre due decenni ruoli di leadership tecnologica in Cisco e in Nokia. Come chief digital officer, contribuisce a orientare la strategia tecnologica dell’azienda, una conglomerata da 34 miliardi di dollari, nelle energie pulite, nei trasporti, nella robotica e nell’automazione in più di cento Paesi, e ne cura le iniziative AR. Qui Jouret descrive il potenziale trasformativo dell’AR - e spiega perché molte aziende sottovalutano il cambiamento che si va profilando.   Perché ABB è interessata alla realtà aumentata? L’AR può contribuire ad affrontare tre problemi macroeconomici che abbiamo di fronte noi e i nostri clienti. Il primo è l’invecchiamento di una forza lavoro altamente qualificata. Nel settore del petrolio e del gas naturale, per esempio, c’è stata una forte crescita dell’occupazione negli anni Sessanta e Settanta, seguita da una stasi delle assunzioni. Di conseguenza,...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!