SPECIALE / GUIDA PER I MANAGER ALLA REALTÀ AUMENTATA

Come funziona la realtà aumentata?

Novembre 2017

La realtà aumentata parte da un dispositivo dotato di videocamera – come uno smartphone, un tablet o degli smart glass – su cui è stato caricato un software di AR. Quando l’utilizzatore punta il dispositivo e guarda un oggetto, il software lo riconosce tramite una tecnologia di visione  computerizzata, che analizza il flusso delle immagini. Poi il dispositivo scarica le informazioni sull’oggetto dal cloud, proprio come un browser scarica una pagina tramite l’URL. Una differenza fondamentale è che le informazioni di AR vengono presentate in un’esperienza “3-D” sovrapposta all’oggetto anziché su una pagina bidimensionale che appare su uno schermo. Ciò che vede l’utilizzatore, dunque, è in parte reale e in parte digitale. L’AR può fornire una visione dei dati in tempo reale che fluiscono dai prodotti e consentire agli utilizzatori di controllarli tramite un touchscreen, la voce o dei gesti. Per esempio, l’utilizzatore potrebbe toccare un interruttore sulla sovrapposizione grafica...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!