Il management è ben più di una scienza

Roger L. Martin e Tony Golsby-Smith

Ottobre 2017

Il management è ben più di una scienza

prezzo 5,00

L’idea che il management sia una scienza esatta, sostenuta nei programmi MBA degli ultimi sessant’anni, ha preso ulteriormente piede nell’era dei big data. Ma secondo Martin, coautore del bestseller Playing to Win, e secondo l’esperto di consulenza Golsby-Smith, l’approccio scientifico ha i suoi limiti. Affidarsi eccessivamente all’analisi scientifica tende a restringere le opzioni strategiche e a soffocare l’innovazione. Essa è infatti pensata per comprendere fenomeni naturali che non possono essere cambiati e non è una maniera efficace di valutare le possibilità, cose che ancora non esistono.

I due autori propongono un approccio alternativo all’innovazione e all’elaborazione strategica, un approccio basato sull’immaginazione, la sperimentazione e la comunicazione. Per prendere decisioni su quello che potrebbe essere, i manager dovrebbero ideare delle narrazioni sui futuri possibili, utilizzando l’armamentario di storytelling proposto per primo da Aristotele (che ironicamente è anche il creatore del metodo scientifico). Se poi individuano le premesse affinché tali narrazioni possano realizzarsi e convalidano queste ipotesi tramite prototipizzazione, allora i dirigenti possono identificare quale narrazione ha le maggiori possibilità di successo.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

Edizione Digitale

Leggi Hbr Italia
anche su tablet e computer

Newsletter

Lasciaci la tua mail per essere sempre aggiornato sulle novità di HBR Italia