ORGANIZZAZIONE

Riorganizzare con successo

Una guida pratica a un processo incompreso e spesso mal gestito

STEPHEN HEIDARI-ROBINSON E SUZANNE HEYWOOD

Novembre 2016

Ci sono buone probabilità che abbiate vissuto almeno una, se non più, riorganizzazioni aziendali. Le riorganizzazioni possono essere un ottimo modo per sbloccare il valore: due terzi di esse portano almeno a qualche miglioramento in termini di performance e, dato che il cambiamento nel contesto di business sta accelerando, stanno diventando sempre più comuni. Come ci ha detto John Ferraro, ex COO di Ernst & Young, «Ogni azienda, oggi, viene attraversata da cambiamenti radicali e deve perciò riorganizzarsi di frequente per stare al passo con questo incredibile ritmo di cambiamento. Quelle che lo sanno fare bene prospereranno nel contesto attuale e saranno le vincitrici di domani».   Allo stesso tempo, sono poche le riorganizzazioni che hanno pienamente successo. Secondo un'indagine che abbiamo condotto con McKinsey, più dell'80% di esse non riesce a generare il valore auspicato nei tempi definiti in partenza e il 10% può causare veri e propri danni...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!