CULTURA ORGANIZZATIVA

Perché le organizzazioni non imparano

Siamo ossessionati dall’idea che dobbiamo avere successo, agire, conformarci e affidarci agli esperti: ma sono proprio queste cose che ci impediscono di migliorarci continuamente

FRANCESCA GINO E BRADLEY STAATS

Novembre 2015

Quasi tutti i leader pensano che le loro imprese, per continuare a essere competitive, devono imparare e migliorare ogni giorno; di fatto, però, anche le aziende citate come modelli di apprendimento continuo non sempre riescono a mettere in pratica quello che predicano. Un esempio è la Toyota, famosa per la sua filosofia aziendale che mette al centro il miglioramento continuo. Alla fine del 2009, dopo che gravi problemi avevano costretto la casa automobilistica giapponese a richiamare oltre nove milioni di veicoli in tutto il mondo, la dirigenza ha ammesso che gli sforzi per diventare il maggior produttore mondiale del settore avevano compromesso la vocazione all’apprendimento dell’azienda. Perché le aziende faticano a diventare o rimanere delle learning organization? Attraverso una serie di ricerche condotte negli ultimi dieci anni su un’ampia gamma di settori, siamo giunti a questa conclusione: ci sono dei preconcetti che inducono le persone a concentrarsi troppo sul successo,...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!