SPECIALE / GESTIRE L’INTERNET DELLE COSE

Ubiquità digitale

Come le connessioni, i sensori e i dati stanno rivoluzionando il business

Marco Iansiti e Karim R. Lakhani

Novembre 2014

Per più di un secolo General Electric ha realizzato il grosso dei suoi ricavi vendendo macchine industriali e servizi di riparazione. Ma negli ultimi anni rischiava sempre più di cedere molti dei suoi migliori clienti a concorrenti non tradizionali – IBM e SAP da una parte e start-up dei Big Data dall’altra. Quei concorrenti miravano a spostare la customer value proposition dall’acquisto di macchine industriali affidabili all’acquisizione di efficienze e altri benefici tramite un’analitica avanzata e algoritmi basati sui dati generati da quelle macchine. Il trend minacciava di trasformare GE in un fornitore di commodity. Nel 2011 GE ha reagito con un’iniziativa multimiliardaria focalizzata sul cosiddetto “Internet industriale”. L’azienda sta aggiungendo sensori digitali alle sue macchine, connettendole così a un software comune remoto (in cloud), investendo in capacità di sviluppo di nuovi software, costruendo strumenti analitici avanzati e utilizzando il crowdsourcing nello sviluppo di nuovi prodotti. Tutto ciò sta trasformando...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!