SPECIALE / I 90 ANNI DI HBR

L'invenzione di HBR

Come ha fatto una modesta guida per nuovi manager a trasformarsi in un'istituzione all'avanguardia del dibattito sui temi d’impresa

Julia Kirby

Novembre 2012

A gennaio del 2000, nel primo numero del nuovo millennio, l'Economist ha fatto un grandissimo complimento alla Harvard Business Review: l'ha chiamata «una pubblicazione che definisce pressoché da sola l'agenda del dibattito manageriale». Quella descrizione avrebbe certamente stupito il preside della Harvard Business School che lanciò la rivista esattamente novant'anni fa. Wallace B. Donham non avrebbe mai immaginato che il suo giornale, stampato inizialmente in sole 6.000 copie, avrebbe fatto molto di più che mettere a disposizione dei manager in formazione strumenti professionali più qualificati. Ma le parole dell'Economist descrivono correttamente una rivista che, nove decenni dopo, si è guadagnata l'autorità non solo di insegnare ai leader aziendali come fare le cose, ma anche di definire le cose giuste da fare. Nel 1922, quando Donham e i suoi colleghi della HBS avviarono la rivista, le economie si stavano riprendendo dopo la Grande Guerra, e imperversavano i Ruggenti Anni Venti. Con...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!