SPECIALE / I 90 ANNI DI HBR

Il secolo del management

Walter Kiechel III

Novembre 2012

Se volete individuare un luogo e un tempo in cui comparvero all'orizzonte i primi bagliori di quello che sarebbe stato il secolo del management, potrebbe essere Chicago nel maggio 1886. In quella città, alla neocostituita American Society of Mechanical Engineers, Henry R. Towne, uno dei fondatori della Yale Lock Manufacturing Company, tenne un discorso intitolato "The Engineer as an Economist", cioè “l’ingegnere come economista”. Towne affermava che c'erano bravi ingegneri e bravi uomini d'affari, ma le due figure non si integravano quasi mai in una persona sola. E proseguiva spiegando che "la gestione della fabbrica è diventato un tema di tale importanza da giustificarne verosimilmente l'assimilazione a una delle arti moderne". Il discorso di Towne prefigurava una nuova realtà sotto almeno tre aspetti. Potremmo definire il primo "incremento della consapevolezza": il management andava considerato come una serie di pratiche che si potevano studiare e migliorare. Avrebbe affondato le proprie radici...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!