STRATEGIA

Strategie sociali che funzionano

Le imprese che prosperano sulle piattaforme “sociali” non si limitano a vendere cose, ma aiutano le persone a entrare in connessione.

Mikołaj Jan Piskorski

Novembre 2011

Gli utenti delle piattaforme “sociali” come Facebook, eHarmony, Renten e LinkedIn hanno superato il miliardo. Da cosa sono attirati? Dal soddisfacimento di due bisogni umani fondamentali: incontrare nuove persone e consolidare le relazioni esistenti. I siti web di appuntamenti a pagamento hanno raccolto in totale un miliardo di dollari nel 2010 mettendo in contatto degli estranei e si stima siano oggi responsabili di un matrimonio su sei. Facebook, che rafforza i legami di amicizia, vanta un numero di iscritti sconcertante, 750 milioni, e una valutazione che supera i 100 miliardi di dollari. Numeri come questi attirano le aziende tradizionali, che hanno aperto pagine su Facebook e account Twitter nella speranza di raggiungere nuovi clienti e coinvolgere i vecchi. Ma poche sono riuscite a generare profitti dai social network, nonostante la schiera di “amici” e “seguaci”. Ho studiato oltre 60 aziende in settori che vanno dall’industria manifatturiera ai beni di consumo...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!