SPECIALE / LA BUONA AZIENDA

«Perché non puntiamo a diventare l'azienda più rispettata dell'India?»

Novembre 2011

Forse non sembra, ma N. R. Narayana Murthy è il classico bastian contrario. Quando pochissimi indiani pensavano di poter diventare imprenditori, ha fondato Infosys avendo in banca solo 1.000 dollari. Quando nessuno credeva che l'India potesse offrire al mondo prodotti ad alta tecnologia, ha avuto il coraggio di sviluppare dei servizi software da esportare. Quando non si parlava ancora di conduzione etica del business, ha creato un'azienda basata sui valori. Oggi, mentre monta l'ira dell'opinione pubblica contro la corruzione endemica dell'India, Infosys si trova di fronte a una svolta epocale, con l'uscita di scena di Murthy da presidente del board. In questa conversazione con HBR, Murthy riflette sul suo mandato al vertice dell'azienda e spiega ai leader che se vogliono costruire “buone aziende” caratterizzate da successo finanziario, devono dimostrare che i valori contano sempre, in tutte le circostanze e per tutti i dipendenti.   HBR: Il motto di Infosys è...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!