L’imprecisione può aiutare a decidere

Febbraio 2013

Sarebbe bello se le decisioni fossero sempre chiare. Ma la ricerca della chiarezza può nei fatti distrarvi nel momento in cui state definendo le priorità. Qualche volta essere imprecisi aiuta. Per esempio, invece di mettere i progetti in ordine di importanza o priorità, assegnateli a categorie ampie: “da fare”, “assolutamente da fare”, “da fare se possibile”. Invece di attribuire ai progetti una tempistica precisa, categorizzateli come necessari da fare “ora”, “presto” o “in futuro”. In questo modo, invece di tracciare distinzioni fra i progetti, li potete organizzare in gruppi dove abbiano la stessa importanza. Questo approccio semplificato vi permette di capire quanto iniziative diverse siano realmente urgenti quando confrontate con la vostra strategia complessiva, invece che uno verso l’altro.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

Edizione Digitale

Leggi Hbr Italia
anche su tablet e computer

Newsletter

Lasciaci la tua mail per essere sempre aggiornato sulle novità di HBR Italia