Marzo 2020

Innovazione produttiva

04 Marzo 2020

Innovazione produttiva

Costruire una cultura di sperimentazione
Stefan Thomke

 

Le sperimentazioni online possono cambiare il marketing e l’innovazione. Per esempio, con i suoi 25.000 test all’anno Booking.com si è trasformata da piccola start-up a massima piattaforma per la ricerca di alloggi a livello mondiale. Oggi per le organizzazioni è fondamentale accrescere le proprie capacità di sperimentazione, ma molte faticano a farlo, non per problemi di tecnologia bensì di cultura.

Per abbattere questi ostacoli culturali, le aziende devono creare un ambiente in cui la curiosità viene coltivata, i dati prevalgono sulle opinioni, dove qualsiasi lavoratore può effettuare dei test, dove tutti gli esperimenti sono etici e vince un nuovo e più democratico modello di leadership. Dove infine i dirigenti si rendono conto che possono sbagliare tutti i giorni e sono disposti a dare maggiore autonomia alle loro persone.

 

Evitate le trappole dei test A/B
Iavor Bojinov, Guillaume Saint-Jacques e Martin Tingley

 

Gli esperimenti online che misurano se “A”, che di norma identifica l’approccio corrente, è inferiore a “B”, il miglioramento proposto, sono diventati parte integrante del ciclo di sviluppo dei prodotti, soprattutto nelle aziende digitali. Spesso, però, si commettono gravi errori nella conduzione di questi test: guardare al risultato medio e non a come un cambiamento influisce sui diversi segmenti della clientela; dimenticare che i clienti sono in contatto tra loro e che tali interazioni possono influire sui risultati; condurre gli esperimenti su periodi troppo brevi, dimenticando che le reazioni dei clienti cambiano con il tempo. Questo articolo illustra come evitare tutte queste trappole, applicando le stesse tecniche utilizzate da LinkedIn e Netflix per migliorare la propria comprensione dei fenomeni.

 
 

«L’efficacia di queste tecniche continua solo ad aumentare»
Un dialogo con Jeremy King di Pinterest

 

Jeremy King ha dedicato molta parte degli ultimi trent’anni a supportare aziende del calibro di eBay, Walmart e Pinterest, dove attualmente lavora, nell’utilizzo di dati ed esperimenti per migliorare la presa di decisioni. In questo articolo condivide quanto ha appreso sulla necessità di muoversi in equilibrio tra precisione e casualità, sul modo di promuovere la “democrazia dei dati” e sull’importanza di investire nella corretta formazione dei dipendenti.

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti