Marzo 2020

Techyon, il primo head hunter con focus IT

Intervista di Cristina Capece a Federico Colacicchi, Managing Partner di Techyon

04 Marzo 2020

HBR Italia, con il supporto di numerosi partner, è da tempo impegnata nello studio e nell’analisi del presente e degli scenari futuri (si legga il rapporto Macrotrends, novembre 2019). Svariati gli autori che hanno sottolineato l’importanza crescente delle professioni IT e la difficoltà che le aziende incontrano nel trovare talenti. Il divario tra domanda e offerta è ampio. Techyon è una start-up nata con l’obiettivo di colmare questo divario, rispondendo a un bisogno specifico del mercato. In questa intervista, Federico Colacicchi spiega i servizi offerti e la metodologia utilizzata.

 

Techyon fornisce un servizio molto specifico. Può spiegare da dove arriva l’idea e come è nata la start-up?

Io e Jacopo Tonelli, Managing Partner di Techyon, abbiamo entrambi un trascorso professionale maturato all’interno di alcune tra le maggiori società di ricerca e selezione a livello mondiale. Proveniamo dal mondo del recruitment e ne conosciamo i limiti. Techyon è stata disegnata con l’obiettivo di rispondere alle esigenze di un segmento di mercato che le società di head hunting tradizionali e generaliste faticano a soddisfare: quello dell’Information Technology. Le tendenze più recenti indicano chiaramente che le professioni più ricercate nei prossimi anni saranno quelle in ambito digitale e tecnologico; eppure il divario tra domanda e offerta nel mondo IT è ampio. Techyon è nata con l’obiettivo di colmare questo divario.

 

Quali sono i principali punti di forza che vi consentono di avere un vantaggio competitivo rispetto alle società tradizionali di head hunting?

Ciò che ci distingue dai competitor è la specializzazione. Siamo l’unica società di ricerca e selezione italiana a essere specializzata esclusivamente nel segmento Information Technology. Il nostro focus è specifico, esclusivo e dedicato solo a professionisti e manager del mondo IT. Ci posizioniamo in un punto preciso del mercato, che è quello dove convergono specializzazione e innovazione. Quando parlo di innovazione, mi riferisco anche alla nostra metodologia di ricerca e selezione, che unisce le competenze degli esseri umani al potere della tecnologia. Il lavoro dei nostri Recruitment Engineer è supportato da Techyon-Search, un software dotato di elementi di intelligenza artificiale sviluppato completamente in-house. Con l’ausilio di Techyon-Search abbiamo costruito un database vastissimo, targettizzato, in crescita costante e nel rispetto del regolamento GDPR. Siamo in grado di raggiungere praticamente il 100% della popolazione IT & Digital italiana in moltissime aree.

 

Come si compone la vostra offerta?

L’offerta di Techyon si rivolge tanto a realtà corporate e manifatturiere che a realtà consulenziali. Sono diversi i servizi a disposizione dei nostri partner. Il nostro core è rappresentato da programmi di head hunting disegnati per individuare i migliori professionisti IT appartenenti alle fasce Senior Professionals e Middle to Top Management. A questi servizi si affiancano il progetto Global, mirato alla selezione di professionisti a livello globale, in partnership col network ERI - International Executive Search, il network globale che unisce società di head hunting indipendenti provenienti da tutto il mondo; il programma di IT Talent-Sourcing, dedicato a neolaureati e giovani professionisti STEM; quello IT Hire, un RPO pensato per rispondere a grandi volumi di assunzioni e i servizi di Assessment, che integra l’attività di ricerca e selezione di Techyon con la somministrazione di test psicometrici Hogan, leader mondiale nel settore assessment, di cui Techyon è partner per l’Italia.

 

Può farci qualche esempio concreto?

Se parliamo della fascia di seniority Senior Professional, due delle figure maggiormente richieste dai nostri partner è quella del data scientist e del sysadmin / devOps, unitamente a professionisti in ambito Cyber Security e, chiaramente, sviluppatori senior sui più disparati linguaggi e stack tecnologici.

 

In ambito middle to top management, le nostre ricerche si concentrano su una fascia molto ampia che va dal team leader sviluppo, al PMO, fino alla direzione dei sistemi informativi di una corporate, con l’individuazione di Chief Information Officer, Chief Technology Officer e assimilabili.

 

Quali sono i principali obiettivi che vi proponete di raggiungere nel medio e lungo temine?

Il nostro obiettivo principale, al momento, è quello consolidare la nostra leadership e gli standard di qualità che abbiamo imposto sul mercato italiano durante l’anno appena trascorso, continuando al contempo ad espandere il nostro raggio d’azione. Abbiamo pianificato una roadmap che prevede la copertura dei principali hub a livello europeo entro il 2025. Progettiamo l’apertura di un ufficio Techyon a Madrid nel 2021 per servire il mercato Iberico e sudamericano, per poi approdare a Parigi e a Berlino negli anni successivi con l’obiettivo di entrare nei mercati francofoni e dell’area DACH. Continueremo, inoltre, a lavorare sullo sviluppo di Techyon-Search, con forti investimenti in ambito intelligenza artificiale, per portare sempre più la nostra attività di recruitment all’interno di una dimensione completamente digitale.

IL FRONTMAN: FEDERICO COLACICCHI

CLASSE: 1988

FORMAZIONE: Laurea Triennale in Storia e cooperazione internazionale presso Roma 3, Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali presso Ca’ Foscari con un percorso internazionale che lo ha portato a studiare presso l’UAB di Barcellona e la Paul Valery di Montpellier.

POSIZIONE ATTUALE: Co-Founder & Managing Partner in Techyon

HIGHLIGHTS: Esperto di tematiche inerenti il futuro del mondo del lavoro, lascia un ruolo manageriale in una grande multinazionale HR per fondare Techyon, che cresce in rapidissimo tempo. Appassionato di tecnologia e geopolitica, parla correntemente inglese, francese e spagnolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti