LEADERSHIP

Vivere il purpose

Modelli di comunicazione e tattiche di engagement per la costruzione partecipata dello scopo dell’impresa.

Stefano Venier

Marzo 2020

Ci sono due modi in cui le organizzazioni – perlopiù - tendono a pensare al purpose. Il primo, a cui guardare con un certo sospetto, è tipico di chi colga il purpose nel segno di una grande retrospettiva, organizzando tutti gli eventi del proprio passato affinché disegnino un percorso che santifichi il punto al quale si è giunti. Restituito da questa prospettiva, il purpose non si chiarisce quindi che al termine dei giochi e, per questo, serve soprattutto a “legittimare” quel-che-è-stato alla luce di quel-che-ne-è-derivato, come se la situazione nella quale l’organizzazione si trova fosse sempre stata lo scopo ultimo a cui tendere. Di questo purpose, lesto ad acchittarsi di coerenze posticce e artificiose, “sono piene le fosse” e la sua adozione, tanto comoda quanto assolutoria, non ha alcuna vera ragione che esuli da sterili autocompiacimenti[1]. Il secondo modo, di gran lunga preferibile, appartiene invece a chi affronti il tema...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!