EDITORIALE

L’arma strategica della formazione

06 Marzo 2019

L’arma strategica della formazione

Figuriamoci, dirà qualcuno, da quando in qua la formazione è una leva strategica! Sono molte le imprese che nemmeno la fanno, molti gli imprenditori che neppure ci credono (“io mi sono fatto da solo, le cose si imparano lavorando!”), molte le aziende che ci investono cifre più o meno significative ma che, nello stesso tempo, ne sono poco persuase, molte anche quelle che in effetti la considerano parecchio importante ma che sono abbastanza insoddisfatte dei risultati formativi. Senza contare le imprese che esitano a investire a fondo temendo di far crescere persone qualificate che prima o poi lasceranno l’azienda, foraggiando quindi a proprie spese l’uno o l’altro dei concorrenti.

Il tema della formazione manageriale è da sempre piuttosto controverso e nello Speciale di questo numero i lettori troveranno opinioni oneste e diversificate. La formazione, nell’ottica di far crescere dei manager meglio preparati o di preparare meglio i leader presenti e futuri, è uno strumento sempre più importante, su cui avrebbe senso investire di più specie in periodi di grande e veloce trasformazione come quello attuale, ma non sempre mantiene ciò che promette, raramente soddisfa a fondo le aspettative, facilmente crea sconcerto o delusione, almeno in termini di risultati attesi vs. costi sostenuti.

Ma Harvard Business Review, e non solo perché diretta emanazione di una grande università come la Harvard Business School, da sempre sostiene la centralità della formazione per la crescita delle persone e delle imprese, e ancor più ne caldeggia i meriti nell’era attuale e in prospettiva. Nonostante i limiti, la formazione dei manager, e più in generale di tutte le persone in posizioni di responsabilità nelle organizzazioni, è sempre più vicina a rappresentare un’arma strategica che l’azienda può e deve utilizzare per far crescere i leader e per posizionarsi meglio nell’arena competitiva.

L’offerta formativa, d’altra parte, anche se disomogenea in termini di qualità ed efficacia, si sta moltiplicando grazie anche al crescente utilizzo degli strumenti digitali. A fronte di questa maggiore offerta, le aziende spesso ridimensionano i propri investimenti, specie nei periodi di crisi nei quali occorrerebbe semmai intensificare l’aggiornamento delle competenze e il reskilling in funzione del rapido ritmo di obsolescenza delle medesime. Due sono i fattori che rendono oggi più urgente il ricorso alla formazione.

Il primo è rappresentato dal crescente impatto delle tecnologie digitali (compresa l’intelligenza artificiale) sul lavoro e sulle competenze. La prospettiva di un crescente affiancamento delle “macchine” al lavoro umano anche nelle categorie intellettuali più elevate è ormai di rovente attualità, anche se si sceglie di ridimensionare la minaccia di una sostituzione tout court. L’affiancamento, o rafforzamento, ma anche la paventata sostituzione rendono sempre più concreta la necessità di un aggiornamento frequente, o addirittura continuo, delle competenze, sia hard che soft.

Il secondo è definito da un fenomeno ormai in piena azione e destinato a durare: l’allungamento della vita media, connesso a una prospettiva di aumento dell’età pensionabile. Per ciascuno di noi questo fenomeno sempre più palpabile (ormai in diversi Paesi, Italia compresa, il numero di over 65 è superiore a quello dei minori di 5 anni) comporterà non solo cambiare lavoro diverse volte nell’arco della vita professionale, ma anche dover aggiornare con continuità le competenze in funzione della propria employability.

Se tutto questo è vero, nessuna azienda può permettersi il lusso di considerare formazione e aggiornamento continuo un’opzione, lasciandone lo sviluppo all’iniziativa individuale o al caso. È ben vero che ogni persona dovrà sempre più auto-responsabilizzarsi verso l’obiettivo di mantenere e accrescere le proprie competenze, ma nello stesso tempo toccherà sempre più alle imprese preparare il terreno per renderlo possibile. E si tratta di un obiettivo strategico.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti