RISORSE UMANE

LO STIPENDIO NON È TUTTO

Come creare posti di lavoro per “colletti blu” di qualità nell’economia della conoscenza

Dennis Campbell, John Case e Bill Fotsch

Marzo 2018

Cinquant’anni fa, se avessi chiesto a un americano qual era un buon impiego per un operaio, avrebbe risposto senza esitazione: lavorare in una grande azienda come la General Motors, la Goodyear o la U.S. Steel. Spesso era presente il sindacato, si veniva pagati bene e c’erano buone indennità. Ed erano posti sicuri: anche se venivi licenziato durante una fase recessiva, era probabile che ti richiamassero non appena le cose ricominciavano a girare per il verso giusto. E valeva non solo per gli Stati Uniti, ma anche per la maggior parte delle altre economie sviluppate. Ora conviviamo con il retaggio di quell’epoca: molte persone pensano ancora che quello di cui hanno bisogno i colletti blu siano più assunzioni nelle fabbriche. Ma le possibilità di tornare a quell’epoca sono remote. Per cominciare, l’occupazione nel settore manifatturiero è calata costantemente, dal 25% circa della forza lavoro degli Stati Uniti nel 1970 a meno...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!