DIRITTO & IMPRESA

I vantaggi dei contratti scritti con linguaggio semplice

Volete concludere più rapidamente le transazioni e aumentare la soddisfazione dei clienti? Cominciate con l’eliminare il legalese.

Shawn Burton

Marzo 2018

Come definireste un contratto eccessivamente lungo e scritto fitto, infarcito di gergo legale e praticamente impossibile da capire tranne che agli avvocati? Lo status quo. La maggioranza dei contratti in uso sono lunghi, mal strutturati e scritti in un linguaggio inutilmente incomprensibile. Alla base di questa situazione ci sono motivi pratici? Affinché il contratto sia vincolante sono necessarie pagine e pagine di definizioni, termini come “ingiunzione”, “conduttore” e “forza maggiore”, o espressioni quali “in deroga a qualsivoglia disposizione contraria ivi contenuta”, “fatte salve le predette disposizioni” e “di qualsivoglia natura”? C’è qualche valore controintuitivo nell’uso delle formule di rito? Veramente un contratto per poter essere sottoscritto necessita di una sfilza di 15 sinonimi, di frasi scritte in lettere maiuscole, in corsivo, in grassetto che ricoprono intere pagine; di periodi complicati pieni di punti e virgole o di costruzioni grammaticali obsolete? A mio parere la risposta è chiaramente no. La firma...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!